CHIUDI

Le Passeggiate di Portici di Carta 2016

Partenza ore 10. La 8 il sabato, tutte le altre la domenica.

Durata: circa 2 ore. Dal punto di arrivo di ognuna, si raggiunge tutti assieme San Filippo.

Partecipazione gratuita.

Prenotazione obbligatoria:

Le passeggiate si terranno anche in caso di maltempo.


Andrea Viglongo

1. I luoghi del libro: gli editori, i librai e le loro storie

A cura di Giovanna Viglongo e Rocco Pinto
Conduce Rocco Pinto
Partenza: Piazzetta Viglongo

La storia segreta dei librai torinesi, delle librerie e dei loro celebri e affezionati frequentatori. Dalla Contrada degli Stampatori alla via Garibaldi dove si laureò Erasmo da Rotterdam.

Itinerario Centro - Galleria San Federico

2. Itinerario Centro: Edmondo De Amicis, Marina Jarre, Cesare Pavese

A cura di Alba Andreini
Conduce Claudio Panella
Partenza: Piazza Carlo Felice di fronte all’Hotel Roma

La passeggiata si svolge nel centro della città seguendo le tracce lasciate a Torino dai protagonisti della cultura degli ultimi due secoli, ricostruendo la vita che vie, piazze e monumenti hanno avuto nell’immaginario e nelle opere di scrittori. A partire dall'hotel dove nel 1950 si tolse la vita Cesare Pavese. In ricordo di Marina Jarre e Umberto Eco.

Itinerario Quadrilatero - Casa Pingone

3. Itinerario Quadrilatero: Fruttero e Lucentini, Laura Mancinelli, Jean Jacques Rousseau

A cura di Alba Andreini
Conduce Alba Andreini
Partenza: Piazza Palazzo di Città, Urban Center.

La passeggiata attraversa i più suggestivi luoghi storici del centro: da Porta Palazzo a piazza Castello e piazzetta Reale, da via Barbaroux alla Torre Littoria. E molti altri ne evoca da lontano, uno per tutti il Cottolengo, percorrendo piazze e strade immortalate da scrittori italiani e visitatori stranieri che hanno celebrato in esse il cuore più antico della città. In ricordo di Laura Mancinelli e Umberto Eco.

Itinerario San Salvario Sinagoga

4. Itinerario San Salvario: Primo Levi, Natalia Ginzburg, Carolina Invernizio

A cura di Alba Andreini
Conduce Silvia Nugara
Partenza: Istituto di Fisica (Corso Massimo d’Azeglio 46)

Partenza: Istituto Galileo Ferraris (Corso Massimo d’Azeglio 42). La passeggiata attraversa il quartiere di San Salvario illustrandone le varie anime (da quella universitaria a quella religiosa) e toccando, tra le altre tappe, piazza Donatello, via Galliari con il Collegio universitario, via S. Pio V con la Sinagoga di Torino. Nel centenario della nascita di Natalia Ginzburg, ricordando Umberto Eco.

Passeggiata 3 Reale Societa Ginnastica

5. Quattro passi con gli scrittori Edmondo De Amicis, Mario Soldati, Giovanni Arpino: un "Assist" per il Filadelfia

A cura di Alba Andreini
Conduce Stefano Tubia
Partenza: Reale Società Ginnastica (via Magenta 11)

Dalla culla della ginnastica raccontata da De Amicis, lo sport torinese attraverso pagine di Mario Soldati e Giovanni Arpino ed eventi come la nascita del Torino Calcio e della Juventus. E poi l’incontro con la mostra “Assist” allo spazio Adplog.

Itinerario Pietre d'Inciampo Gunter Demnig

6. Una speranza ostinata: le Pietre d'inciampo e i luoghi della memoria

A cura di Add editore e Polo del 900
Conduce Francesca Duetti
Partenza: Museo Diffuso della Resistenza (corso Valdocco 4/a), presso la biglietteria del Museo Diffuso della Resistenza.

Le Pietre d’inciampo (Stolpersteine) sono un monumento diffuso e partecipato ideato e realizzato dall’artista tedesco Gunter Demnig per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista. L’artista produce piccole targhe di ottone poste su cubetti della dimensione dei porfidi delle pavimentazioni stradali, che vengono incastonati nel selciato davanti all’ultima abitazione scelta liberamente dalla vittima. Nel gennaio 2015 le prime 27 pietre sono state posate a Torino: attualmente sono 67 le pietre in città, e altre se ne aggiungeranno nel gennaio 2017.

Pietre d’inciampo Torino è promosso dal Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, dalla Comunità Ebraica di Torino, dal Goethe-Institut Turin e dall'Associazione Nazionale Ex Deportati (Aned) - sezione di Torino.

Attraverso questo percorso, i partecipanti potranno riscoprire la storia e la memoria delle persecuzioni nazi-fasciste e delle deportazioni avvenute a Torino dal 1943 al 1945. A ogni tappa la guida fornirà informazioni sulle storie delle vittime cui sono state dedicate le Pietre, e il contesto storico in cui esse hanno avuto luogo.

È possibile consultare le biografie di tutte le vittime per cui sono state posate sinora le Pietre d’Inciampo al seguente link: http://pietre.museodiffusotorino.it/

L'itinerario è dedicato a Max Mannheimer, autore di Una speranza ostinata. Terezin, Auschwitz, Varsavia, Dachau (add editore), testimone della Shoah, mancato il 24 settembre 2016. A seguire, presentazione del libro all’oratorio San Filippo Neri, in collaborazione con il Polo del 900.

Itinerario Bambini I Pellirossa di Palazzo Carignano

7. I bambini alla scoperta di Torino

A cura di Lapis Edizioni e Libreria dei Ragazzi
Conducono Guido Quarzo e Daniela Barbato
Partenza: Piazza Castello davanti Palazzo Madama.

Una bella e divertente guida di Torino scritta da Guido Quarzo e Willy Beck, accompagnerà bambini e famiglie in un itinerario per conoscere curiosità e leggende. Scopriremo che a Torino esiste un Alfiere dell’esercito Sardo, la leggenda di Castore e Polluce. Verremo a conoscere che cosa c’entrano le patate e gli elefanti e poi… tante altre storie.

Itinerario Monti Liceo DAzeglio

8. Tornare a Torino. Viaggio nei luoghi cittadini di Augusto Monti, maestro di libertà

A cura di Giovanni Tesio
Conduce Giovanni Tesio
Sabato 8 ottobre. Partenza: Liceo Classico D’Azeglio (via Parini, 8)

Nel cinquantenario della morte, ripercorreremo i luoghi torinesi di Augusto Monti: il professore di italiano e latino per eccellenza, che ebbe tra i suoi allievi Cesare Pavese, Leone Ginzburg, Guido Seborga e Massimo Mila. Laico e antifascista, nel secondo dopoguerra divenne un rappresentante di spicco della letteratura italiana e della pedagogia.