CHIUDI

eco

Gli studi all’Università, la goliardia al Collegio Einaudi di via Galliari, la laurea in filosofia nel 1954, le prime prove di studioso, il cenacolo dei «ragazzi di via Po», la straordinaria avventura in Rai che cambiò il volto della radiotelevisione italiana. Torino è l’alma mater di Umberto Eco: città fondativa che riaffiorerà in tante sue opere nell’arco di una vita.

Al grande scrittore scomparso lo scorso 19 febbraio Portici di Carta dedica l’evento Umberto Eco, gli anni torinesi, in compagnia di amici e testimoni come Furio Colombo, Gianni Vattimo, Gianni Coscia e Mario Garavelli (che mostrerà i disegni inediti realizzati dal giovanissimo Eco studente al Liceo Plana di Alessandria), la lettura per ragazzi dai suoi Tre racconti e il viaggio nei suoi luoghi torinesi con le Passeggiate di Portici di Carta.

E inoltre le letture per ragazzi dai Tre racconti e i luoghi di Eco nelle Passeggiate di Portici di Carta.